Home  > Almanacco  > Santo del giorno

 Motivo Blu  Motivo Verde Acqua  Motivo Verde  Motivo Marrone  Motivo Rosa  Motivo Arancione  Motivo Rosso  Resetta Motivo

   Santo del giorno
24 Maggio - S. Vincenzo di L.
Dopo che la Chiesa ebbe via libera con l'editto dell'imperatore Costantino e poté uscire allo scoperto, entrando a far parte di diritto della nuova società che nasceva dalle ceneri del secolare impero romano, molti cristiani avvertivano un più struggente desiderio di « distacco dal mondo », e il richiamo al « deserto », cioè alla quiete della vita contemplativa, si tradusse in varie forme di vita monastica o comunitaria. S. Girolamo visse a lungo in una grotta presso Betlem; Paolino da Nola si spogliò di tutte le ricchezze per vivere in una stanzuccia accanto alla tomba del martire S. Felice. Molti sceglievano il deserto vero e proprio, come S. Antonio abate; altri mettevano tra sé e la tumultuosa società il mare e si rifugiavano in una isoletta. Tra i principali rifugi monastici del V secolo fu l'isola di Lérins, o Lerino nel Mediterraneo, davanti a Cannes. Fondato da S. Onorato, futuro vescovo di Arles, il monastero di Lerino diventò un semenzaio di vescovi, di santi e di scrittori. Ricordiamo Eucherio, che, prima di diventare vescovo di Lione, soggiornò a lungo nell'isoletta, con la moglie e i figli e vi scrisse due libri dal titolo significativo: Elogio della solitudine e Il disprezzo del mondo. Ma il nome più celebre uscito da questa «nutrice di santi» è S. Vincenzo di Lerino. Non abbiamo molte notizie sulla sua vita. La sua notorietà è legata ad un libretto sulla tradizione della Chiesa, dal titolo Commonitorium, che S. Roberto Bellarmino definì « un libro tutto d'oro ». Si tratta di un manuale di regole di condotta da seguire per vivere integralmente il messaggio evangelico. Non c'erano grandi novità. Nel 434 (l'anno in cui vide la luce il prezioso libretto), il monaco forniva ai teologi futuri il famoso canone dell'ortodossia, cioè il metro per giudicare la bontà di una affermazione teologica: « Quod ubique, quod semper, quod ab omnibus creditum est »: atteniàmoci, cioè, a ciò che è stato creduto ovunque, sempre e da tutti. S. Vincenzo auspica tuttavia un progresso: « È necessario che crescano e che vigorosissimamente progrediscano la comprensione, la scienza e la sapienza da parte sia dei singoli che di tutti, sia di un solo uomo che di tutta la Chiesa, via via che passano le età e i secoli». Vissuto negli anni della lotta della Chiesa contro l'eresia pelagiana, Vincenzo di Lerino, nato nella Francia settentrionale, forse nel Belgio, e approdato definitivamente a Lerino, nella cui pace morì verso il 450, con i suoi scritti fornì un'arma molto effìcace contro «le frodi e i lacci degli eretici».
Home | Aggiungi Sito | Modifica Sito | Novità | Tecnoseek nel tuo sito | Scarica gratis TecnoSeek Toolbar! | Pubblicità su Tecnoseek
Copyright © 1998-2018 Tecnoseek